La cura canalare è una terapia endodontica necessaria in presenza di un dente gravemente danneggiato o soggetto a infezione. Il suo nome deriva dalle caratteristiche della cura che interviene sui canali radicolari che si trovano all'interno della radice del dente.

Che cos'è una cura canalare

Come avviene la terapia canalare?

La cura canalare consente la rimozione della polpa dentale infiammata o necrotizzata, sia a livello della radice e sia a livello della corona. Prima di procedere con la rimozione del tessuto, la zona viene pulita e disinfettata, il canale viene sagomato e ripulito per prepararlo ad essere riempito con materiale biocompatibile che va a sostituire la parte rimossa garantendo la piena funzionalità dell'elemento dentale.

Questo trattamento è indolore grazie all'uso dell'anestesia locale che permette al dentista di lavorare sul dente senza causare dolore al paziente. In alcuni casi, anche in base alla posizione del dente da curare, è possibile utilizzare una diga di gomma che consente di isolare il dente dal resto del cavo orale. In questo modo è possibile ridurre al minimo la possibilità che l'infezione si diffonda all'interno della bocca e, allo stesso tempo, il dentista può eseguire l'intervento con maggiore libertà.

La terapia canale è essenziale dunque per eliminare le infezioni ed evitando la soluzione estrema dell'estrazione definitiva del dente danneggiato.

Quali sono i rischi?

I rischi della devitalizzazione

Come accade per altre tipologie di intervento, anche la devitalizzazione può portare con sé alcuni rischi. Si tratta di rischi poco frequenti, specie per quanto riguarda quelli più gravi, ma è importante conoscerli prima di sottoporsi alla terapia canalare. Tra i rischi troviamo:

  • possibile alterazione del colore naturale del dente, in genere più bianca
  • ipersensibilità dentale nei 15/20 giorni successivi alla ricostruzione
  • danneggiamento del dente se si assumono alimenti duri prima di aver concluso la terapia

Se la devitalizzazione viene fatta in modo errato, potrebbe verificarsi la caduta del dente o rendersi necessaria l'estrazione definitiva. 

Prevenire la terapia canalare

Il danneggiamento della polpa è la conseguenza a condizioni che possono essere facilmente evitate. Le carie sono tra le principali cause dell'infiammazione del dente. La placca contiene al suo interno dei batteri che producono sostanze acide che vanno a intaccare lo smalto e la dentina creando l'accesso diretto alla polpa del dente. In questi casi, una corretta igiene orale quotidiana, periodiche visite di controllo e pulizie professionali dal dentista possono aiutare a prevenire questa condizione spiacevole.

Altre cause che richiedono l'uso della pulizia canalare sono i traumi acuti che comportano la rottura dello smalto e che provocano l'infiammazione del nervo. Oppure i traumi ripetuti, come ad esempio il bruxismo che coinvolge tutto il dente e le intere arcate. In quest'ultimo caso è importante individuare questa scorretta abitudine per correggerla il prima possibile con l'utilizzo di un bite.

Inoltre, è essenziale fare attenzione alla masticazione, soprattutto quando si mangiano cibi particolarmente duri che possono danneggiare lo smalto e dare inizio a carie profonde.

Prevenire la cura canalare è possibile grazie a piccoli accorgimenti quotidiani. Quando diventa inevitabile, questa terapia si rivela essenziale per ritrovare il benessere della bocca e porre fine al dolore. Stai cercando un dentista di fiducia a Cagliari per prenderti cura dei tuoi denti? Contatta il nostro studio: siamo in Piazza della Repubblica 22!