Le protesi dentali permettono di ridare il sorriso ad un paziente a cui mancano alcuni o tutti i denti. Utilizzando le protesi dentali fisse o mobili, si vanno a sostituire gli elementi mancanti o difettosi delle arcate. Ogni lavoro è progettato sul modello delle impronte della bocca del paziente e rispecchia le sue esigenze sia di funzionalità sia di estetica.

Perché la Protesi Dentale?

L'intervento del dentista protesista ha il fine di sostituire i denti mancanti, singoli o multipli, e di migliorare l’estetica dei denti. Permette inoltre di ricoprire i denti che, per varie ragioni (carie estesa, scheggiature, devitalizzazioni), devono essere protetti e rinforzati per evitare probabili fratture.

I vantaggi della protesi dentale.

La protesi permette di

  • sostituire denti singoli o multipli
  • ridare una dentatura completa ai pazienti edentuli (senza denti) che potranno quindi tornare a sorridere e mangiare tranquillamente
  • dare tono alla muscolatura intorno alla bocca evitando un invecchiamento precoce dei tessuti
  • riacquistare un sorriso completo senza effettuare interventi chirurgici
  • proteggere denti fragili che hanno un’alta possibilità di spezzarsi

Come avviene il trattamento

L’obiettivo dei protesisti che operano all’interno dello Studio Dentistico Piras Denotti è quello di offrire al paziente dei trattamenti che siano perfetti sia dal punto di vista funzionale: una protesi stabile e che permetta una corretta masticazione, sia dal punto di vista estetico: che si adatti quindi alle caratteristiche fisiche del paziente e a quelle dei suoi denti. 

Le protesi dentali possono essere di diverso tipo:

Protesi Dentali Fisse

Le protesi dentali fisse si dividono in diverse tipologie, a seconda del numero di denti che vanno a sostituire e dal modo in cui sono collegate alla radice naturale o artificiale (impianto)

Corona Dentale o Capsula

è un tipo di protesi che va a sostituire o ricoprire un singolo dente nel caso in cui lo si voglia rafforzare e proteggere in seguito ad una carie molto estesa o ad una devitalizzazione.

Le corone dentali possono essere di diversi materiali:

  • Metallo-Ceramica: la parte esterna è realizzata in ceramica e la struttura interna, chiamata anche cappetta, è invece in metallo. Queste corone hanno la caratteristica di essere molto resistenti grazie alla presenza del metallo nella struttura interna, ma anche molto estetiche grazie alla ceramica che ricopre la parte visibile del dente. Sono indicate sia per i denti del settore anteriore che posteriore.
  • Zirconio o Zirconia: è un silicato bianco splendente, duttile e molto resistente. Grazie a queste caratteristiche le corone in zirconio sono adatte a ricoprire, in particolare, i denti frontali (incisivi e canini), risultando più estetiche, anche perché non c'è il rischio di bordini in metallo visibili. Le corone in zirconio possono essere inoltre caratterizzate dal laboratorio odontotecnico, in modo da non avere differenze con gli altri denti presenti in bocca.

Ponte

Questa tipologia di protesi fissa è composta da due o più corone singole tra le quali sono presenti, in un'unico pezzo, uno o più denti mancanti. Il ponte viene usato per sostituire uno o più denti, che hanno dei denti vicini, che possono essere utilizzati come punti di appoggio. Quando si sceglie di utilizzare questa protesi, anche i denti che vengono usati come pilastri di sostegno devono essere rivestiti dalle corone. Anche il ponte, come la corona singola, può essere in metallo ceramica o in zirconio.

Faccette protesiche

Oltre alle più tradizionali corone si possono trovare delle soluzioni estetiche che rivestano una sola superficie del dente, ripristinandola e rendendola esteticamente perfetta. Le faccette sono sottili lamine in ceramica o composito che si attaccano sulla superficie dei denti, specialmente gli anteriori, risparmiando una gran quantità di tessuto dentale. Sono consigliate nel caso in cui si voglia ripristinare l’estetica in un paziente che ha ancora i denti vitali.

 

Protesi Dentali su Impianti

Le protesi dentali su impianti hanno la particolarità di essere posizionate su una radice artificiale e non su un dente naturale. Sono la soluzione ideale per chi ha una protesi mobile, ma desidera sostituirla per migliorare la stabilità e il comfort. Per comprendere meglio il tema degli impianti vi consigliamo di leggere la sezione dedicata agli impianti dentali dove potrete trovare tutte le informazioni utili.

Protesi Dentali Mobili

le protesi dentali mobili permettono di sostituire una parte o l’intera arcata dentaria e può essere rimossa dal paziente allo scopo di eseguire l'igiene orale quotidiana. 

Le protesi dentali mobili si suddividono in diversi tipi:

Protesi Dentali Parziali o Scheletrati

la protesi dentale parziale viene fissata agli altri denti naturali con l'uso di ganci. Normalmente è formata da una struttura metallica da cui prende il nome di scheletrato. La presenza di attacchi permette di ottenere un miglior livello di stabilità anche durante la masticazione.

Protesi Dentale Totale o Dentiera

Quando nell'arcata non sono più presenti denti o radici, le protesi dentali in resina (dentiera) sostituiscono una o entrambe le arcate dentari. Si appoggiando solamente sulle mucose e sull’osso del paziente. Questo tipo di soluzione comporta un riassorbimento graduale dell'osso ed è quindi necessario adattare periodicamente la protesi in resina alla conformazione della bocca attraverso un'operazione che viene chiamata ribasatura. 

Anche se la stabilità della protesi e l’efficacia masticatoria risultino essere inferiori rispetto ad altri tipi di protese dentarie, la protesi totale è certamente una soluzione più economica e meno complessa per ripristinare il sorriso e la masticazione del paziente. L’utilizzo di nuovi materiali permette inoltre di garantire la validità funzionale, anallergica ed estetica del risultato.

 

Dopo che è stato scelto il tipo di protesi, in base alle esigenze del paziente,  verranno effettuate le diverse sedute durante le quali l’odontoiatra preparerà i denti su cui basare la protesi, e prenderà le impronte necessarie per la realizzazione della protesi provvisoria e quindi di quella definitiva.