Nel mondo è possibile contare migliaia di persone che fanno uso di protesi dentarie. Si tratta di dispositivi a cui non si può rinunciare perché ci permettono di avere una bocca bella e funzionale a qualunque età. Allo stesso tempo, le protesi e le dentiere sono strumenti molto delicati che vanno trattati con cura e attenzione, proprio come se fossero denti naturali. 

Se sei arrivato fino al nostro articolo è perché vuoi sapere come si pulisce una protesi dentaria e in che modo puoi farla durare più a lungo possibile. Continua a leggere!

Come pulire una protesi dentaria

Pulizia di una protesi dentaria mobile: da cosa iniziare?

L'igiene orale deve avere sempre la priorità, anche quando si fa uso di protesi che sostituiscono la dentatura naturale. Iniziamo da un aspetto poco considerato: il contenitore. Se usi una protesi mobile, hai bisogno di un contenitore speciale all'interno del quale potrai riporla e che dovrai tenere pulito e asciutto, per evitare la proliferazione di batteri che potrebbero contaminare la protesi. In questo modo, se hai bisogno di rimuovere il dispositivo, potrai contare su un luogo sicuro e pulito. 

La prima cosa da fare per pulire la protesi dentaria è lavarsi le mani per bene, prima di introdurle all'interno della bocca. Questo passaggio viene spesso sottovalutato ma è essenziale poiché ci permette di eliminare i batteri che possono inquinare la protesi. A questo punto dovrai iniziare a spazzolare la protesi servendoti di uno specifico detergente per la pulizia di questi dispositivi. L'operazione deve essere eseguita con cura e un po' di pazienza. Accertati di passare lo spazzolino in tutte le fessure per rimuovere i residui di cibo rimasti incastrati. 

Dopo averla lavata per bene potrai riposizionarla all'interno della bocca, ma prima ricorda di eseguire le operazioni di pulizia orale anche sui denti permanenti. 

Per disinfettare bene la protesi mobile è possibile utilizzare anche pastiglie effervescenti, con una frequenza al massimo di una volta al mese, in grado di semplificare la pulizia e rimuovere eventuali residui in zone difficili da raggiungere. 

Ricorda che è importante prendersi cura della protesi anche quando è indosso. 

Consigli per una protesi dentaria che dura nel tempo

Oltre all'igiene orale, cosa possiamo fare per prenderci cura di una protesi dentaria? Certo la rimozione di cibo e tartaro è già un buon punto di partenza per una protesi che dura nel tempo ma dobbiamo starci attenti anche quando è indosso. Ad esempio, prestando attenzione agli alimenti troppo duri che potrebbero scheggiare i denti e rovinarli in modo irreparabile. 

Attenzione anche alle bevande e ai cibi che possono macchiare i denti, sia naturali che finti, come ad esempio il tè e il caffè. Anche il tabacco e la nicotina possono macchiarli e rendere difficile la pulizia

L'unica soluzione per prevenire e curare questo genere di danni è con la pulizia costante e accurata, soprattutto la sera prima di andare a letto. 

Pulire una protesi dentaria fissa

Mentre con la protesi mobile le manovre per la pulizia sono più semplici e immediate, nel caso di protesi fissa la faccenda si complica. In questo caso è necessario eseguire le azione che siamo abituati a compiere con la pulizia dei denti naturali: dentifricio, spazzolino, collutorio e filo interdentale non potranno mai mancare. 

Inoltre, in commercio esistono dei prodotti specifici per pulire le protesi fisse. Si tratta di particolari dentifrici che consentono di rimuovere cibo residuo e macchie che possono compromettere la durata della protesi e mantenerla bella e sana il più a lungo possibile.